Gravidanza e Tv

Oltre al già citato cult “Non sapevo di essere incinta” sono tanti i programmi in TV con cui potete farvi una cultura (o una grassa risata) sul tema della gravidanza e della maternità:

  • 16 & pregnant: la storia a episodi di adolescenti disperate (ovviamente americane) che rimangono incinta del primo disperato che passa. Al 90% hanno famiglie allo sbando. Parti traumatici e situazioni assurde assicurate. Su MTV in vari momenti della giornata.
  • Teen Mom e Teen Mom 2: il seguito di 16 & Pregnant. In ogni serie vengono riprese le storie di 4 delle disperate sopra citate. Nella prima serie: Amber, l’isterica obesa; Macy, che cambia vari futuri mariti; Catylinn, che ha dato la figlia in adozione, ha il suocero con la triglia e la madre tossicodipendente; Farrah, una ex cheerleader col pallino di trovare un nuovo padre alla figlia. Nella seconda serie abbiamo Leah, sfigatissima, madre di 2 gemelle di cui una con problemi; Kailin, la più sfigata di tutte, con il fidanzato idiota, il figlio brutto e la mamma inesistente che l’ha scaricata dai suoceri (poi la scaricano anche i suoceri ma non vorrei svelarvi il finale di serie); Chelsea, vive con un’amica a spese del padre, poi arriva l’ex fidanzato e manda via l’amica, poi l’ex fidanzato la rimolla, ma non è che un bene dato il suo QI; infine c’è Janelle, la cui storia è la più assurda di tutte: la madre pazza prende l’affidamento del bambino e la caccia di casa. Tutta una trafila di poliziotti, avvocati…bellissimo. Attendo con ansia la terza serie. E’ ovviamente sempre su MTV. E’ la versione reality e meno romanzata di La vita segreta di una teenager americana.
  • Storia di un bebè: questo non è un granchè. Una famiglia si riprende in varie fasi della gravidanza, dalla scoperta del fagiolo ai primi giorni di vita. Anche qui parto traumatico assicurato, accentuato dalla ripresa amatoriale. Da evitare se state per partorire o siete particolarmente sensibili. Su RealTime, ovviamente.
  • SOS Tata: questo non ha bisogno di spiegazioni. Una famiglia disperata (al 95% è sempre colpa dei genitori e non dei bambini) chiama una tata che vive con loro e aiuta tutti a vivere meglio. Molto meglio la versione tedesca o americana, dove mancano solo i frustini e le manette. Su La7 o FoxLife.
  • EasyBaby: non è un programma, è addirittura un intero canale (137 di Sky) dedicato alla maternità. Dalle guide per futuri genitori, yoga per gestanti, laboratori di cucito, cucina, storie di genitori vip ecc ecc… il regno del trash, specialmente se vi appassionate ai programmi argentini mal doppiati in cui il cameraman dev’essere sicuramente uno schizofrenico.
  • Reparto maternità e Reparto Maternità Bologna. Il mio preferito in assoluto (se non fosse che le repliche ci sono il sabato e la domenica mattina alle 7). Un reality ambientato nel reparto maternità dell’ospedale (San Camillo di Roma e Ospedale Maggiore nel caso di Bologna). Arrivano le partorienti, raccontano un po’ la loro storia e sfornano la creatura tra urla strazianti. Abbastanza traumatico se sei nel terzo trimestre (il mio caso) ma vederli nascere è davvero emozionante, mi commuovo sempre. In tutto questo ci sono anche le storie di ostetriche, dottori ecc ecc. Molto ben fatto. Bologna è meno “cruda” di Roma, dove in alcuni casi ci sono anche parti più complicati. Su FoxLife.
La mia reazione a tutti questi programmi è di urlare: “Ma non piange! Oddio!” appena il bambino nasce. Non so come mai, anche perchè poi piange sempre.

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *