I Joy Division e Genova

Genova è una città molto bella e piena di storia. Ma non starò qui a parlarvi della città, del cibo o dell’Acquario.

In quanto amante del turismo funebre voglio parlarvi del fantastico Cimitero Monumentale di Staglieno, è un vero e proprio museo a cielo aperto, oggi considerato uno dei più importanti e affascinanti d’Europa.

Progettato nel 1835 dall’architetto Carlo Barabino e, alla sua morte, da Giovanni Battista Resasco, il Cimitero di Staglieno è una rappresentazione della Genova ottocentesca.

Presenta un Pantheon (o Cappella dei Suffragi), gallerie e porticati con centinaia di monumenti che testimoniano la straordinaria arte dell’Otto e Novecento ligure, e il Boschetto Irregolare, ispirato agli schemi dei giardini romantici, in cui si trovano le tombe dei Mille e di altri eroi del Risorgimento.

Un percorso tutto da esplorare per ammirare il fascino di imponenti sculture e viali alberati.

Ma perché i Joy Division?

Vi sembra familiare? L’immagine di quest’angelo disteso sull’arca della Tomba Ribaudo fu utilizzata settant’anni dopo la sua realizzazione per illustrare la copertina del singolo “Love Will Tear Us Apart” pubblicato nel 1980 e noi siamo andati, ovviamente, a cercarlo.

E questa vi ricorda niente?

È la tomba della famiglia Appiani usata come copertina dell’album Closer, sempre del 1980.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *