Il mio primo acquisto

0
207

quello che le mamme non diconoOggi mi sono decisa, ho creato un account su amazon.it e mi sono comprata un libro. Fino ad ora avevo sempre preso tutto sul sito della FNAC e ho voluto cambiare. Ce n’era solo 1 che volevo comprare, anche se mi è apparso continuamente “ti potrebbe interessare anche Fate i bravi di Tata Lucia”. No grazie. Almeno per ora.

Ho preso un libro che non avrei mai voluto leggere fino a 2 settimane fa, ma che ora mi attira davvero tanto:

QUELLO CHE LE MAMME NON DICONO di Chiara Cecilia Santamaria.

Il libro è ispirato al blog www.machedavvero.it, un blog proprio come questo.

Questa la sinossi del libro:

Lei ha 27 anni e crede nel mojito, nella carriera, nel suo uomo e nei viaggi improvvisati. La nana ha cinque settimane e abita la sua pancia. Scoprirlo è uno shock, soprattutto se nell’immaginario collettivo “fare la mamma” appare un’attività totalizzante, incompatibile con libertà, sogni, ambizioni e diverse sfaccettature della propria personalità. L’autrice-protagonista decide di affrontare la situazione armandosi di buoni propositi, ma soprattutto di ironia e sarcasmo.

Qui si sostiene che è buono e giusto conservare la parte migliore di sé – quella divertente, folle, avventuriera – anche dopo un figlio. Che l’istinto materno a volte arriva e altre è in ritardo. Ma anche che esistono momenti neri che nessuno racconta, che dopo un mese di neonato ne servirebbero tre di psicoterapia, che ogni tanto è perfettamente normale rimpiangere il “prima”.
Dimenticate la mammina che chiama il figlio “angioletto” anche se non dorme da quindici settimane, quella che considera il parco giochi una botta di vita e quella che decanta le gioie delle vacanze coi nonni. Preparatevi a scoprire la verità, tutta la verità riguardo alla vita col pupo, e anche gli esilaranti retroscena di pappe, giochi e ninne nanne.
Un libro dedicato alle donne che si sentono troppo giovani per fare figli, a quelle che ci pensano ma non hanno idea di cosa le aspetti, a quelle che già ne hanno e certe volte, con tutto l’amore del mondo, vorrebbero fuggire alle Bahamas.

Il libro per me, insomma.

LASCIA UN COMMENTO